modelli organizzativi

Modelli Organizzativi 231

La Simart è specializzata nella progettazione di modelli organizzativi 231. Per le aziende che vogliono essere sempre in regola e per proteggere il proprio business è vitale avere un modello di organizzazione, gestione e controllo che sia redatto da garantire la massima efficacia.

Grazie al nostro team composto da avvocati e consulenti aziendali possiamo creare modelli organizzativi 231 in grado di aiutare l’azienda per evitare che vengano commesse infrazioni alle regole di cui l’ente stesso si è dotato e per manlevare la responsabilità dell’azienda in caso di irregolarità commesse da dipendenti. Simart fornisce inoltre una consulenza professionale per costituire l’Organismo di Vigilanza di cui una azienda deve dotarsi per controllare sempre il rispetto di tutte le regole e le procedure stabilite per prevenire la commissione di reati al suo interno.

In seguito al D.lgs. n° 231/2001 approvato dallo Stato sono aumentate le sanzioni per le aziende che commettono dei reati. Tali sanzioni vanno da un’ammenda pecuniaria fino all’interdizione dell’esercizio dell’attività. Se vuoi mettere la tua azienda in sicurezza è necessario affidarti a dei professionisti legali e consulenti aziendali che possano redigere organizzare al meglio i tuoi modelli organizzativi 231. Affidati a Simart se vuoi mettere la tua azienda in sicurezza! Contattaci ora per fissare un appuntamento ricevere un’analisi approfondita della tua realtà aziendale!

Hai bisogno di supporto?

Scrivici un'e-mail o chiamaci

modelli organizzativi

Modelli Organizzativi

Giovanni Falcone, in uno dei suoi più celebri discorsi, spiegava:

«Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così, solo che quando si tratta di rimboccarsi le maniche ed incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è, allora, che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare».

Con il D.lgs. n° 231/2001 lo Stato ha richiesto alle società di cambiare.

Il provvedimento legislativo in questione, infatti, ha introdotto la responsabilità “penale” degli enti per una pletora di reati (detti reati – presupposto) commessi dai vertici aziendali o da loro sottoposti a suo interesse o vantaggio.

Nasce e si sviluppa la responsabilità penale degli enti, concetto ritenuto, sino a qualche ventennio fa, inapplicabile nel nostro ordinamento ma che oggi costituisce la roccaforte nella lotta alla criminalità d’impresa.

Le sanzioni a cui la Legge espone gli enti, infatti, sono il chiaro segno della volontà di fermare la criminalità colpendo quanti traggono i maggiori benefici dal reato: in primis, quindi, le persone giuridiche, un tempo ritenute inattaccabili.

In caso di reato, all’ente sono applicate sanzioni severissime, non solo pecuniarie, ma anche interdittive (quali l’interdizione dall’esercizio dell’attività, la sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze, concessioni funzionali all’esercizio dell’attività, il divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione, l’esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi e la revoca di quelli già ottenuti, il divieto di pubblicizzare beni o servizi). Sono inoltre previste la confisca e la pubblicazione della sentenza di condanna.

La legge, tuttavia, premia le aziende virtuose, che decidano di “organizzarsi” per prevenire i reati oggetto di responsabilità.

Dotarsi di un modello di organizzazione, gestione e controllo, idoneo, efficace ed efficiente, in grado di prevenire le fattispecie criminose previste dalla Legge, impedendo che i soggetti in posizione apicale, o loro sottoposti, commettano infrazioni alle regole di cui l’ente stesso si è dotato, è l’unico modo che l’ente possiede per andare esente da responsabilità.

Non basta, tuttavia, avere un modello, poiché è essenziale dimostrare alla Magistratura, qualora un reato – presupposto si verifichi, la bontà del modello e la continua vigilanza sullo stesso ad opera di un Organismo di Vigilanza.

La Simart s.r.l., attraverso un team di esperti, composto di avvocati e consulenti aziendali, progetta modelli organizzativi di gestione e controllo, tenendo conto della realtà aziendale di riferimento.

la Simart s.r.l. fornisce altresì professionalità in grado di costituire l’Organismo di Vigilanza di cui l’ente deve dotarsi per vigilare sul rispetto dell’insieme di regole e procedure di cui l’ente si dota per prevenire la commissione di reati al suo interno.

Tornando alle celebri parole di Giovanni Falcone, la Simart s.r.l. fornisce i supporti legali e tecnici alle aziende che “vogliono fare e rimboccarsi le maniche” per restare sul mercato senza delinquere.

L’elenco di reati per cui è prevista la responsabilità penale delle società è in continuo aumento. Ad oggi, le fattispecie criminose per cui l’ente è chiamato a rispondere sono:

  • Indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni pubbliche e frode informatica in danno dello Stato o di un ente pubblico
  • Delitti informatici e trattamento illecito di dati
  • Delitti di criminalità organizzata
  • Concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità e corruzione
  • Falsità in monete, in carte di pubblico credito, in valori di bollo e in strumenti o segni di riconoscimento
  • Delitti contro l’industria e il commercio
  • Reati societari
  • Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico
  • Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili
  • Delitti contro la personalità individuale
  • Abusi di mercato
  • Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro
  • Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, nonché autoriciclaggio
  • Delitti in materia di violazione del diritto d’autore
  • Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria
  • Reati ambientali
  • Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare
  • Frodi in competizioni sportive, esercizio abusivo di gioco o di scommessa e giochi d’azzardo esercitati a mezzo di apparecchi vietati

MODELLI 231 E LOTTA ALLA CRIMINALITÀ D’IMPRESA

Con il D.lgs. n° 231/2001 lo Stato ha richiesto alle società di cambiare.

Il provvedimento legislativo in questione, infatti, ha introdotto la responsabilità “penale” degli enti per numerosi reati commessi dai vertici aziendali o da loro sottoposti a loro interesse o vantaggio.

Nasce e si sviluppa la responsabilità penale degli enti.

In caso di reato alla società sono applicate sanzioni severissime, non solo pecuniarie, ma anche interdittive (quali l’interdizione dall’esercizio dell’attività, la sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze, concessioni funzionali all’esercizio dell’attività, Il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione, l’esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi e la revoca di quelli già ottenuti, il divieto di pubblicizzare beni o servizi). Sono inoltre previste la confisca e la pubblicazione della sentenza di condanna.

La legge, tuttavia, premia le aziende virtuose, che decino di “organizzarsi” per prevenire i reati oggetto di responsabilità.

Dotarsi di un modello di organizzazione, gestione e controllo, idoneo, efficace ed efficiente, in grado di prevenire le fattispecie criminose previste dalla Legge, è l’unico modo che la società possiede per andare esente da responsabilità.

La Simart s.r.l., attraverso un team di esperti, composto di avvocati e consulenti aziendali, specializzati nella prevenzione dei reati 231, progetta modelli organizzativi di gestione e controllo, tenendo conto della realtà aziendale di riferimento.

La Simart s.r.l. fornisce altresì professionalità in grado di costituire l’Organismo di Vigilanza di cui l’azienda deve dotarsi per vigilare sul rispetto dell’insieme di regole e procedure per prevenire la commissione di reati al suo interno.

La Simart s.r.l. offre i supporti legali e tecnici alle aziende che vogliono “dormire sonni tranquilli”.

Hai bisogno di supporto?

Scrivici un'e-mail o chiamaci